Blog

Ultime novità Ecobonus e Sismabonus al 110%

Abbiamo già avuto modo di parlare di Ecobonus e Sismabonus al 110%. Fanno parte delle agevolazioni fiscali supportate nel decreto rilancio. In soldoni, i lavori di riqualificazione energetica e sismica attuati su case e condomini, godono della detrazione fiscale al 110% e, cedendo il credito derivante da questa detrazione, si può usare per ottenre il 100% di sconto in fattura, ottenendo così i lavori gratuiti. Questo è un grande vantaggio per i privati e le ditte edili: i primi vedranno la possibilità di ristrutturare la propria casa senza spese, i secondi avranno un incremento di lavoro senza dover anticipare nulla. Con le ultime novità, abbiamo la conferma definitiva di come funzioni.

Lavori che usufruiscono dell’Ecobonus e Sismabonus al 110%

Attenzione! Non tutti i lavori godono della detrazione Ecobonus e Sismabonus al 110%. Vediamo insieme quali sono gli interventi che ne usufruiscono.
  • Isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro degli edifici, compresi quelli unifamiliari, con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda del condominio o case.
  • Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, e/o il raffrescamento e/o la fornitura di acqua calda sanitaria sulle parti comuni degli edifici, o con impianti per il riscaldamento, e/o il raffrescamento e/o la fornitura di acqua calda sanitaria su condomini o case.
  • Interventi antisismici che portino l’edificio a un miglioramento di almeno 2 classi sismiche o al raggiungimento della migliore classe sismica.
In più, se eseguiti unitamente a uno dei lavori precedentemente indicati, potranno usufruirne anche:
  • L’installazione di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici
  • Lavori di efficientamento energetico
E, per finire, l’Ecobonus e Sismabonus al 110% spetta anche per i seguenti interventi se eseguiti congiuntamente con almeno uno degli interventi di isolamento termico o di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale o di riduzione del rischio sismico di cui prima:
  • L’installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica
  • L’installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo
Per tutti gli altri interventi, restano valide le aliquote di detrazione vigenti.

Chi può chiedere gli interventi per l’Ecobonus e il Sismabonus al 110%?

I soggetti che hanno diritto alla richiesta di interventi per l’Ecobonus e il Sismabonus al 110% non sono solo i proprietari, ma anche coloro che detengono un diritto di godimento (nudo proprietario, usufruttuario, abitante).

Detrarre l’Ecobonus e Sismabonus al 110% dalle imposte

Per chi non vuole cedere il credito per lo sconto in fattura e decide di detrarre l’Ecobonus e Sismabonus al 110% dalle imposte, può farlo in cinque quote di pari importo da dividere in altrettanti anni.

Alternativa alla detrazione per l’Ecobonus e Sismabonus al 110%

Come abbiamo già detto all’inizio, si può cedere l’Ecobonus e Sismabonus al 110%. Quali sono i soggetti a cui cederlo?
  • Fornitori di beni e servizi per la realizzazione degli interventi
  • Persone fisiche, enti e società
  • Istituti di credito e intermediazione bancari
Cedendolo ai fornitori, saranno loro ad occuparsi di rendere il bonus liquido, così da poterlo utilizzare per pagare i lavori. Se scegli un General Contractor per la cessione del credito, sarà lui a doversi preoccupare di trasformare il credito in liquidità e di usarlo per pagare la ditta edile sfruttando lo Stato di Avanzamento dei Lavori. Purtroppo, l’Ecobonus e Sismabonus al 110% ha una durata limitata: è valido solo per i lavori svolti dal 02/07/2020 al 31/12/2020. Non sappiamo se ci saranno ulteriori proroghe al momento. Scarica la guida al supebonus Guida_Superbonus110

No Comments

Post a Comment